Home » Narutaru

Narutaru

Inutile, insensato e incompleto. Ecco ciò che mi sento di dire dopo aver visto Narutaru.So che è tratto da un manga che non ho letto. Spero per l’autore che l’anime sia stato adattato male.

Partiamo dalla trama. Una bambina di 12 anni in vacanza al mare trova un “drago” (più che un drago è un pokemon, ma tralasciamo..). Inoltre, altri bambini/adolescenti hanno altri draghi. E sia chiaro, i draghi hanno grandi poteri. Cosa faranno i ragazzi con a disposizione una simile arma? In più, l’esercito sa dell’esistenza dei draghi.

Come premesse non sembrano il massimo, ma si può sempre tirare fuori qualcosa di carino. In aggiunta viene indicato che l’anime non è adatto ai bambini come scene e temi, e tematiche adulte con sangue e budella a giro mi ispirano spesso.

Ma Narutaru non mi è piaciuto.
Innanzitutto i primi due episodi sono inguardabili. D’accordo il gioco sul contrasto tra bambini e crudeltà.. ma l’episodio iniziale infantile e il secondo semplicemente brutto non si reggono. Per fortuna ho trovato scritto di andare avanti nella visione per poter apprezzare l’anime (non l’ho apprezzato comunque). Secondo, i personaggi non sono credibili. Le reazioni agli eventi non hanno senso. O sono estreme o sono assolutamente nulle. Ma i draghi li trovano solo se sono psicopatici o cosa? Avevo nominato l’esercito. Che appare e scompare senza alcuna ragione, così come privi di ragione sono i personaggi.
Infine, tutto quello che succede, che senso ha? Tutte le persone che appaiono, che fine fanno? Il finale non conclude assolutamente nulla. Immagino che il fumetto vada oltre, non lo so, ma certamente l’anime non gli fà una gran pubblicità.

Aggiungo anche che il quantitativo di budella a giro, che è l’ultima cosa che potrebbe ancora interessare, è solo limitato a qualche episodio. Gli ultimi due però hanno scene splatter interessanti, seppure animate da cani.

Dimenticavo, è un anime del 2003 e ha animazioni anni ’90.

In conclusione, se volete uno splatter, guardate Elfen Lied. Se volete bambini che si uccidono, consiglio Now & Then, Here & There

Animazione: 5.5
Storia: 5.5
Audio: 6,5
Character: 5
A.P.: 5.5
Voto Complessivo: 5.5

Cano

10 comments

  1. E' l'unico anime che mostra realmente cosa succederebbe se dei bambini ottenessero un potere enorme, come succede in molti anime. Non salverebbero il mondo, semplicemente seguirebbero i loro capricci in modo per lo piu' del tutto immorale, come succede in Narutaru. Secondo me e' un buon esperimento, l'hanno tagliato perche' il manga stava diventando incredibilmente violento – l'ultimo volume prodotto dall'autore non e' mai stato pubblicato se nn erro, e' passato molto tempo da quando cercai informazioni – e come hai giustamente osservato l'anime ed il manga sono mascherati da tipico prodotto per bambini, stile pokemon. Arrivati agli ultimi due episodi i produttori devono essersi letteralmene cagati addosso per aver frainteso completamente l'anime ed aver mirato il marketing del prodotto ai bambini, da cui il taglio improvviso.

    Devo dire che questa review e' decisamente al di sotto del tuo potenziale, hai mancato del tutto il punto. Non e' qualcosa che e' stato fatto per creare un contrasto accostando due elementi opposti come Elfen Lied. Senza offesa ovviamente, lo sai che ti voglio tanto bene 😀

  2. Cano says:

    Possibile che i bambini abbiano un potere immenso e nessun genitore sappia niente???
    Che nessuno sia andato a piangere dalla madre o dal padre dicendo: ho trovato un coso strano che ammazza la gente quando lo penso aiuto ho paura!!! (senza virgole, perchè è una serie unica di parole). Che un ufficiale dell'esercito, di fronte ha dei bambini pazzi che c'hanno per le mani armi del genere, non gli punti una pistola alla testa e non convochi immediatamente tutto l'alto consiglio dello stato? Potrei trovare altri esempi. Secondo me manca di ogni logica.

  3. Se il mostriciattolo ammazza la gente e' perche' i bambini la vogliono ammazzare 😉 Difficile che vadano a dirlo ai genitori, soprattutto dopo essere diventati assassini; come quando un bambino buca la ruota della bicicletta di un altro ed anche dopo essere stato scoperto e "denunciato" ai suoi genitori continua a negare. L'esercito sapeva davvero dei draghi? Non mi sembrava ma nn ricordo bene. In ogni caso se nn erro avevano gia' mobilitato una quantita' assurda di soldati quindi direi che le alte sfere sapevano gia' di dover gestire qualcosa di grosso. Boh vado a dormire qui ho ancora il fuso orario che mi incasina il cervello 😀

  4. Gauze says:

    " Spero per l’autore che l’anime sia stato adattato male."
    E speri bene.

    Io l'anime nn l'ho visto, mi sono fermata al primo episodio per la noia… ma il manga, quello, sì che l'ho letto!
    Lo hanno pubblicato sul Kappa Magazine a capitoli singoli (è uscito questo ottobre dopo anni, finalmente in monografico) e devo dire che è uno dei pochi in grado di farsi rileggere con gusto dopo tanto tempo… L'anime mettetelo da parte vi prego, e andate a scoprire che gioiello è l'opera originale!
    Non dargli una possibilità sarebbe un po' come dire che non leggereste "Il Profumo" di Patrick Süskind solo perchè hanno fatto una trasposizione in film assolutamente fuorviata e di livello inferiore, o che non vale la pena di leggerlo per la cattiva impressione fatta dal girato… =3

  5. Micci says:

    Il manga e' fantastico, meno male che lo han messo in monografico e solo per fumetterie, visto i contenuti adulti. Un capolavoro insieme a Bokurano, anc'esso trasposto in anime ma da dimenticare assolutamente. Anime e manga son due cose diverse, hanno fatto una porcheria immane nell'adattamento tv snaturando completamente l'opera originale.

  6. Cano says:

    Su Bokurano (anime) intendevo commentare se mai avessi trovato un po' di tempo libero (sono lentissimo a scrivere recensioni). La mia idea di base su Bokurano è che lo spunto è interessante, ma lo svolgimento abbastanza ripetitivo. Anche qui, però, non ho letto il fumetto.

  7. Pasquik says:

    Un articolo molto superficiale, in quanto, se avessi avuto un quadro completo della storia di Naru Taru è impossibile parlarne male. Tutti coloro che hanno seguito la storia sanno che l'anime è orribilmente scadente a differenza del manga. Il manga di Naru Taru è semplicemente stupendo, e apre numerosi spunti di riflessione sulla vita, sulla società e anche sulla religione. Un manga crudo e violento in molti punti, ma commetterle nella vita è giusto, raccontarle è un crimine? Poi tutti sanno che per giudicare una storia, NON SI DEVE GUARDARE L'ANIME MA LEGGERE IL MANGA poichè, proprio come dici tu, la storia è tratta da un manga. Le recensioni van fatte prima leggendo il manga

    E attento. Non è sufficiente una sola lettura del manga per capirci qualcosa. Ho letto la storia 3 volte di fila: la prima non ci ho capito molto ma la seconda e la terza, per chi è aperto mentalmente, offrono riflessioni molto importanti soprattuttoi su ciò che dicono i sedicenti uomini di chiesa. Ma, ripeto, bisogna essere aperti mentalmente.Ho capito che è un fumetto unico e a tratti insuperabile.

    Cortesemente, prima di diffamare un'opera di superba qualità, impariamo prima come capire un'opera e cosa fare.

    Grazie.

  8. Cano says:

    @pasquik: L'hai detto anche tu, l'anime è orribilmente scadente. E io ho recensito l'anime Narutaru, non il fumetto Narutaru. La mia opinione la esprimo sull'anime ed è ferma. L'anime non ha senso. Se il fumetto sia un'ottimo fumetto è tutto un altro paio di maniche ma non è il punto di quello che ho scritto. L'ho detto all'inizio dell'articolo, "spero per l’autore che l’anime sia stato adattato male". Dalla tua forte reazione (e dagli altri commenti) sembra sia così. Ma questa non è una recensione del fumetto,

  9. Non possso che condividere quanto detto da Cano. Non si può sempre prendere sia la versione anime che quella manga e "scegliere la migliore". Dobbiamo usare quanto abbiamo, nel caso di Cano, l'anime. Il manga poi può essere migliore oppure no. Personalmente l'ho letto svariate volte e sebbene offra discorsi molto elaborati non lo ritengo un'opera di superba qualità, ma molto originale. Ma, come al solito, nessun giudizio è assoluto e tutti i giudizi, ed i pareri sono relativi. Ciò che è bello per me, non è detto lo sia per gli altri.

    Non condivido la frase "Per giudicare una storia non si deve guardare l'anime ma leggerne il manga". Al di là del fatto che qui si danno dei pareri su uno dei due, vi sono esempi di come questo non valga, si prenda Evangelion, (in quel caso ovviamente il manga è venuto dopo ed ha una qualità ben inferiore all'anime), ma generalmente sono restio ad adottare politiche assolutistiche nei giudizi. Ciò che è relativo, relativo rimane.

    Peace & Love

    Andrea (sdl)

  10. narutaru says:

    Esiste l'anima? E, se sì, che STRUTTURA ha?

    Narutaru cerca di rispondere a tali domande con dei piccoli draghetti e, questo lascia sbalorditi, in un modo tutto suo ci riesce. Ovvero, non siamo in presenza dell'ennesima opera di artigianato giapponese, ma di vera e propria Arte, quella che (in musica, pittura, letteratura ecc…) da millenni cerca di dire quello che con semplici discorsi descrittivi non sapremmo esprime.

    Shiina, una ragazzina delle medie, viene salvata da un misterioso esserino che sembra affezionarsi a lei. Quel che non sa è che quel "cucciolo" di drago rappresenta la struttura della sua anima.

    Shiina si muove in un mondo di adolescenti cinico e brutale, talmente "vero" che l'anime ha subito pesanti tagli di censura in tutto il mondo. Pensate a cosa fanno oggi gli adolescenti con le videocamere dei telefonini… Ecco, Narutaru parla anche di questo… ed è proprio grazie questo estremo realismo che la storia acquista spessore, poesia, magia, e risulta credibile pur raccontando l'incredibile. Insomma non lasciatevi ingannare dalla sigla e dai disegni rassicuranti: è un'opera cruda adatta ad un pubblico maturo e cosciente… ma anche una storia INDIMENTICABILE.

    D'obbligo per chi si chieda spesso "perchè il mondo vada così" e, soprattutto, per chi si sia chiesto se l'anima esiste davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *