Home » DEATH NOTE

DEATH NOTE

dN

Tipo: Manga / Anime
Titolo: Death Note
Genere: Thriller Psicologico

Manga:
Autore: Tsugumi Ohba e Takeshi Obata
Volumi: 12
Anno: 2004
Edizione italiana: Planet Manga
Anime:
Episodi: 37
Produzione: Madhouse
Anno: 2006-2007
Edizione italiana: N/A

Trama:

Light Yagami, studente modello giapponese, è annoiato dalla vita e schifato dalla patina di criminalità e corruzione che circonda il mondo. Tutto comincia quando Light, per pura casualità, trova per terra un quaderno speciale, un “Death Note”. L’oggetto ha la capacità di uccidere chiunque uno voglia, semplicemente trascrivendone il nome in una pagina, o anche in un lembo strappato, a patto che il proprietario ne conosca il volto.

Light, inizialmente, lo considera assurdo, ma avvolto dalla curiosità, caratteristica di ogni uomo, decide comunque di tenerselo e provarlo in seguito. Dopo aver confermato i poteri del quaderno, Light decide di utilizzarli per diventare il dio di un nuovo mondo dove regni la giustizia, iniziando a giustiziare i criminali di cui trova nome e foto.

La lunga sequenza di morti inspiegabili costringe l’interpol a entrare in azione, sfoderando la sua arma migliore: il miglior detective che esista sulla faccia della terra, L (elle).
Parte da qui la grandiosa sfida che prenderà atto in tutto l’ambito del manga/anime, tra L e Kira ( soprannome dato dai media a Light, proveniente dalla pronuncia giapponese dell’inglese “Killer”), che renderà questo racconto a dir poco stupefacente e terrà sempre lo spettatore/lettore col fiato sospeso e in eterna attenzione per captare ogni sua svolta e ogni indizio che trapela dalla storia.

Consigliato a tutti, questo anime/manga è forse uno tra i migliori esemplari di questo genere, parlando da neofita del campo (lascio un commento più approndito a Cano, che se ne intende enormemente più di me ).
Death note, infatti, è capace di stupire e appassionare per tutta la durata dei 37 episodi(o 12 volumi), lasciandoti a volte stupito e spiazzato per alcune pieghe scelte nella storia. I punti morti che la trama presenta sono pochi e brevi, con la scena che viene immediatamente rianimata da nuovi eventi.

Da notare le caratteristiche dei personaggi, studiate veramente bene e splendidamente sviluppate. Personaggi principali come Light ed L sono stati costruiti veramente ad hoc, mettendo in mostra ogni loro caratteristica e riuscendo a farli amare entrambi, sia nel bene che nel male.

Il migliore anime che abbia mai visto. C A P O L A V O R O

(Nota: Non ho voluto approfondire molto la descrizione della trama e delle caratteristiche, per lasciare la possibilità a voi lettori di scoprire la storia senza avervi già raccontato parti importanti)

Animazione: 8
Audio:
8
Storia: 9
Character: 10
Apprezzamento Personale (A.P.):
10
Voto complessivo:
9.5

7 comments

  1. Cano says:

    Ecco il commento dell'esperto 🙂

    Assolutamente uno dei migliori manga di sempre, anche nella trasposizione animata resta eccellente, seppure in versione animata perda qualcosa nella parte finale, che nel manga viene trattata più in dettaglio. Un ulteriore commento sulle sigle di apertura e chiusura, che da metà anime diventano qualcosa da amare o odiare, ma sicuramente di effetto.

    Per il resto pienamente d'accordo sulla recensione. E ricordo che da ottobre sarà trasmesso a mtv per l'anime night, mentre il manga è prossimo alla fine della prima edizione, ma ci sono già ristampe in corso.

  2. Beh che dire. Un bell’anime. Soprattutto la prima metà della storia che sorprende per il modo in cui riesce ad essere avvincente. Alcune scene non presenti nel manga lo rendono ancor piu evocativo.
    Peccato per il finale che, purtroppo, mi ha lasciato un pò deluso, ma per il resto un anime che merita la nomea assegnatali.

    Andrea (sdl)

  3. Saverio says:

    D'accordissimo sul "CAPOLAVORO". Questo anime mi ha lasciato sbalordito per la sua altissima qualità, la lunga partita a scacchi di Kira ed L è godibilissima. L'anime IMHO scade un po' nella parte centrale (il motivo sarà chiaro per chi l'ha visto, ma preferisco non spoilerare). Mi piacerebbe vederlo serializzato in una serie televisiva (magari fatta negli usa, i "Live action" proprio non li digerisco) degna di questo nome.

    Complimenti agli autori di questo bellissimo blog!!

  4. Dany says:

    bhe si, io ho principalmente visto l'anime e successivamente letto il manga (non tutto solo parti) e devo ammettere che l'anime un po' perde, ma rimane sempre un capolavoro cavolo!!!!

    Cmq saverio devo dire che in giappone sono stati realizzati film su questo soggetto, ho visto qualche pezzo da quel che si può trovare su youtube ma a me non piaciuto; secondo me distruggono il nome di questa serie. :S

  5. Angie says:

    Concordo con la recensione, è stato il manga che mi ha appassionata di più in assoluto, e anche l’anime è molto ben fatto! 🙂
    (belle anche le sigle)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *