Home » Dragon Ball: Yo! Il Ritorno di Son Goku e dei suoi amici

Dragon Ball: Yo! Il Ritorno di Son Goku e dei suoi amici

Tipo: Anime Film
Titolo Inglese: Dragon Ball: Yo! Son Goku and his Friend Returns
Titolo Originale: Ossu! Kaette kita Son Goku to nakama-tachi
Numeri OAV: 14 di 14
Durata: 35′
Regia: Yoshihiro Ueda
Storia: Akira Toriyama
Data di rilascio: 21 settembre 2008 (JPN), Novembre 2008 (EU)

A distanza di undici e dodici anni dall’ultimo inedito di Dragon Ball, Shonen Jump ci regala un nuovo piccolo episodio dell’anime più famoso al mondo. Tutto ciò accade per il 40esimo anniversario della rivista, la quale, per festeggiare l’importante evento, ha organizzato un tour di dieci tappe in dieci città diverse del Giappone: lo Shonen Jump Super Tour.
Per il Tour molti anime/manga divenuti famosi grazie alla rivista hanno pubblicato speciali media solo per l’evento, sottolineando l’importanza di tale magazine nel vasto mongo di anime/manga giapponesi.
Lo speciale di Dragon Ball è un piccolo OAV di circa quaranta minuti, ideato da Toriyama stesso in onore del suo più famoso editore e per non inccorrere in eventuali polemiche, come era accaduto nei precedenti anni per la pubblicazione della serie GT.

Goku nella sua nuova veste di contadino

Il film si colloca a due anni di distanza dalla sconfitta di Majin Boo e ci presenta i nostri eroi alle prese con la routine giornaliera che oramai ha preso campo nelle loro pacifiche vite.
L’evento per cui i nostri eroi decidono di compiere questa reunion è una party speciale per l’apertura del nuovo Hotel di Mr.Satan. La costruzione è stata voluta direttamente dal Campione del Mondo in ricordo delle proprie imprese eroiche contro il perfido Majin Boo e in onore della vittoria compiuta per propria mano (ovviamente questo rivolto a tutti i terrestri). A partecipare a questo piccolo party sono presenti praticamente tutti i personaggi principali degli ultimi episodi della saga, rimostrandoci personaggi come Yamcha, Oolong, Muten, Kaioshin Superiore, Kaioshin il Sommo e pure Re Kaio.

La lotteria delle rape
Goku e Vegeta, attirati lì solamente dal buffet, fin da subito cominciano a sfidarsi, come è usuale, spingendo per un piccolo combattimento dopo anni, tutto in modo molto ironico.
La sfida quindi si sposta nella sala buffet, dove i nostri protagonisti mangiano e si abbuffano a volontà nella completa pace e felicità. Ovviamente qualcosa doveva arrivare a guastare le loro fin troppo tranquille vite.
Due navicelle aliene, della stessa tipologia di quelle di Freezer/Saiyan, arrivano nella terra e raggiungono direttamente l’ingresso del Satan Hotel, proprio come se stessero cercando qualcuno dei nostri protagonisti.
L’alieno è un Saiyan, dalle complete sembianze raziali e molto somigliante a Vegeta. Tale Table infatti è il fratellino minore del principe dei Saiyan, inviato (o nascosto) in una galassia lontana date le sue scarse doti combattive. 
Table spiega le ragioni della sua venuta nella Terra: dichiarando che il suo pianeta è stato distrutto da due soldati dell’armata di Freezer, sopravvissuti al massacro di Namecc perchè in missione in altre galassie e divenuti col tempo veramente molto potenti, più forti addirittura del Freezer dei tempi d’oro
Vegeta e Table
Vegeta e Table

Tali alieni, Abo e Cado si erano per giunta gettati all’inseguimento del piccolo principino e di sua moglie, uno stranissimo alieno, e stavano proprio di lì a poco per raggiungere la Terra e completare i loro obbiettivi.
Goku capisce che i due esotici amici non hanno molte speranze contro i maggiori esponenti del loro gruppo e decide quindi, per divertire un po’ le cose, di fare una piccola lotteria, il vincitore della quale si batterà coi due alieni.
Trunks ne esce vittorioso e Goku, per tirare in ballo anche il suo sangue, convince Vegeta a far partecipare anche Goten in modo tale da equilibrare la sfida: 2vs2.
La sfida si rivelerà molto interessante e combattiva, mostrando i due piccoli Saiyan in iniziali difficoltà contro le tecniche dei due gemelli, dimostratisi molto sagaci e potenti.
Ovviamente si concluderà tutto all’insegna del bene, mostrandoci qualche momento divertente come la Fusione dei piccoli in Gotenks, l’intervento di Goku e Vegeta contro gli alieni oramai fuori controllo e non poteva mancare una piccola morale per Mr.Satan.

Abo e Kado
Abo e Kado

L’episodio tenta palesemente un ritorno alle origini, sottolineando la comicità demenziale dei nostri protagonisti e ignorando per tutto l’ultimo capitolo Anime: Dragon Ball GT. Il risultato, se analizzato come ultimo frammento nostalgico della serie cartoon più famosa al mondo, è ottimo, demarcando una simpatia innata, caratteristica dei primi DB, e riportando alla nostra memoria dei personaggi con cui siamo cresciuti.
Veramente ben riuscita la scenetta della lotteria e delle estrazioni dai campi di rape, invece meno attraente la ridicolizzazione del personaggio di Vegeta, estremizzato ad un personaggio laterale che si limita semplicemente a litigare con Goku per qualsiasi cosa e cercando di inibire tutta la sua naturale predominanza. 
Il massimo della resa però lo abbiamo con la presentazione dei nuovi personaggi. Table, un Saiyan con tanto di coda e navetta spaziale ricordando un Vegeta in miniatura, con una moglie a carico incontrata nel pianeta che avrebbe dovuto distruggere (deja vu?). Altre perle sono i rilevatori del livello di combattimento, scouter, resi (come sempre) inutilizzabili dal predominante controllo delle auree.

Goten e Trunks
Goten e Trunks

Le citazioni all’anime principale sono a dir poco infinite, riportando alla luce vecchie glorie come il Makankosappo di Junior, l’onda energetica di Goku, i fendenti di Jirobai o addirittura la Zanna di Lupo di Yamcha. Ma la citazione per eccellenza non è altro che la prima, la ripresentazione della Sigla DBZ originale è un tuffo al cuore straordinario (“CHA-LA-HEAD-CHA-LA“), ricostruendo la storyline della sigla perfettamente identica ma aggiornata con gli ultimi personaggi della serie.

La qualità delle animazioni è molto buona, di certo non è di ottima fattura ma è sicuramente funzionale all’obbiettivo principale di questo speciale OAV. I combattimenti sono costruiti in puro stile Dragon Ball, rifatti veramente bene e identici a quelli passati; una linea di disegno sicuramente migliorata, più pulita e più limpida con luci più accese, che ricordano molto il GT, ma con uno stile Z veramente inconfondibile.

Un’opera che in sè non raggiungerebbe la sufficienza certo, ma essendo un’opera volutamente nata per infondere nostalgia ai vecchi fan della serie, dobbiamo ammettere che risulta veramente eccellente. Un ricordo eccezionale che riporterà giovani molte persone che con DBZ sono cresciuti.

Goku: "A presto!"
A presto Goku

Un saluto speciale da Goku e dai suoi compagni che ci lascia alla fine del film con un “A Presto!” e condividiamo con lui tutto il nostro affetto e i nostri più cari saluti.

Voti

  • Animazione : 7
  • Audio : 7.5
  • Storia : 6+
  • Character : 6.5
  • Apprezzamento Personale (A.P.) : 7
  • Voto complessivo : 6.5
Personaggi
  •  Table, fratello minore di Vegeta, spedito su un altro pianeta a causa del suo basso livello di combattimento. Arriva sulla Terra per chiedere aiuto a suo fratello per sconfiggere Abo e Kado
  • Gure, moglie di Table, un alieno dalla forma strana, probabilmente originario del pianeta in cui è stato spedito il piccolo Saiyan
  • Abo, insieme a Kado, ex-membro della banda di Freezer. Dalla morte del Leader hanno preso il controllo dei suoi pianeta, incluso quello di Table.
  • Kado, compagno di Abo, insieme possono unirsi come una fusione formando il perfido e potente Aka (soprannominato da Gotenks: Avokado).
Curiosità
  • L’episodio è stato ideato da Akira Toriyama, ideatore del manga, che ha inoltre sorvegliato la stesura del progetto.
  • E’ stato presentato il 21 Settembre nell’ambito del Jump Super Anime Tour.
  • Come Vegeta, il nome di Table è un gioco di parole sulla parola “vegetable”. Vegeta si basa sulla prima parte, Table sulla seconda.
  • I nomi di Abo e Kado derivano dal gioco di parole con la parola Avocado.
  • Questo nuovo capitolo è pubblicato da quasi 12 anni di distanza dall’ultimo episodio di Dragon Ball.

 

 

5 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *