Home » Blood Diamond – Diamanti di Sangue

Blood Diamond – Diamanti di Sangue

Titolo Originale: Blood Diamond
Genere:
 Azione, Drammatico, Thriller
Anno:
 2006
Durata:
 143′
Regia:
 Edward Zwick
Nazione: U.S.A.
Sito Ufficiale:
 http://www.blooddiamondmovie.com/
Cast: Leonardo DiCaprio, Djimon Hounsou, Jennifer Connelly, Arnold Vosloo, Michael Sheen
Data di uscita cinematografica:
26 Gennaio 2007 (Italia)
Produzione: Warner Bros. Pictures, Bedford Falls Productions, Spring Creek Productions, Virtual Studios
Distribuzione: Warners Bros.

L’ottimo casting e un grande regista come Edward Zwick (L’ultimo Samurai) preannunciavano già che il film sarebbe stato di altissimo livello, se poi ci aggiungiamo un tema narrativo che si rifà tra la Drammaticità e la Denuncia Sociale, il gioco è quasi fatto. Zwick, rifacendosi alla vera storia della guerra civile in Sierra Leone, ha improntato la sua storia sul dramma di un pescatore pronto a tutto per riabbracciare la sua famiglia. 

Solomon nasconde il Diamante

Ci troviamo alla fine degli anni novanta. La Sierra Leone è teatro di scontri orribili per la supremazia sui terreni ricchissimi di miniere di diamanti. Causa di questa guerra civile sono i ribelli del RUF ( Revolutionary United Front) che, per impossessarsi dei diamanti, si spostano nella regione ammazzando la maggior parte dei civili e schiavizzando i migliori uomini per il lavoro in miniera.
Tutto questo è dovuto al traffico illecito di diamanti molto attivo nella nazione; i grandi venditori di diamanti inviano i propri mercenari per il contrabbando in Sierra Leone, i quali, acquistando le pietre preziose dai capi del RUF, in cambio di armamentari per la guerra, le esportano in Liberia dove vengono riconosciute e fatte viaggiare per il mondo insieme ai diamanti puri.
Tra questi mercenari è presente Danny Archer (Leonardo DiCaprio – The Departed, Nessuna Verità) cinico ed egoista ex-soldato della Rhodesia che, dopo una esportazione finita male, viene incarcerato nella prigione pubblica africana, dove casualmente nota un pescatore di colore, un certo Solomon Vandy, accusato dai suoi compagni di cella di aver nascosto un diamante di grossa caratura durante la prigionia nelle miniere.

Danny Archer, ex-mercenario

Solomon (Djimon Hounsou – The Island, Costantine, Il Gladiatore) è un piccolo pescatore del villaggio di Shenge in Sierra Leone, dove vive con la propria moglie e i suoi cari figli. Un giorno, la pace del villaggio viene sconvolta dall’invasione di un gruppo ribelle del RUF, i quali oltre a compiere stragi su stragi, catturano diversi uomini del villaggio per il lavoro in miniera. Sol è tra questi, ridotto a schiavo per la ricerca dei diamanti,viene diviso dalla proprio famiglia che finirà chissà dove nel territorio africano.

L’uomo passerà molti giorni nei campi costretto ai lavori forzati, fino a quando le forze militari sud-africane non irromperanno nel campo facendo prigionieri sia tutti i membri del RUF che tutti gli schiavi presenti nelle miniere. Sol, però, dalla sua parte ha la scoperta di un prezioso diamante rosa che, sapientemente nascosto sottoterra, avrebbe recuperato non appena fuori di prigione, se non fosse che qualcuno era a conoscienza del rinvenimento di tale di pietra.

Questo è il punto d’unione di due personaggi agli antipodi, così opposti ma così legati per il raggiungimento di un obbiettivo comune.
Danny, nel suo primordiale senso di egoismo, aiuta Sol a uscire di prigione e gli promette di riuscire a farlo riunire con la propria famiglia se dividerà la pietra con lui.
Il pescatore, disposto a tutti per la propria moglie e i suoi adorati figli, nel mezzo di un terribile conflitto tra milizia e ribelli, decide di accettare il patto, restando però guardingo nei confronti dell’avido mercenario.

Molti ostacoli attendono i due protagonisti

Il loro viaggio sarà arduo e lunghissimo, trovando aiuto nella giornalista idealista Maddy Bowen (Jennifer Connelly – Ultimatum alla Terra) che, grazie al suo lavoro, li aiuterà a varcare molte barriere, politiche e militari, facilitando così il ritrovamento di quasi tutta la famiglia Vandy.
A questo punto scaturirà la ricerca più importante, una pietra preziosa che in sè trattiene il potere di cambiare le vite a due individui contrapposti, perennemente inseguiti sia dalle milizie governative, capeggiate dal Colonnello Coetzee (Arnold Vosloo – 24: Quarta Stagione) venuto a conoscenza della pietra, sia dai ribelli del RUF.

Nel mezzo della guerra civile

Un crescendo incredibile che ci porta ad un finale senza fiato, regalandoci emozioni e sensazioni veramente uniche e capace anche di far riflettere, grazie ad una denuncia sociale veramente grande e profonda.
Edward Zwick resta fedele alla sua retorica de “L’ultimo Samurai” replicando il percorso di formazione intrapreso dal protagonista, tramite il confronto tra etnie diverse, interpretato questa volta da un DiCaprio eccezionale, artefice di una grandiosa interpretazione, dando così la prova di essere divenuto un maturo attore maturo sotto ogni punto di vista.
Non possiamo non lodare anche Djimon Hounsou che nel suo ruolo da padre di famiglia rende l’idea della tragicità della sua situazione e una Jennifer Connelly rilegata ad un piccolo ruolo ma sempre molto incalzante e credibile.

Leo DiCaprio e Jennifer Connelly

Un film d’eccezione dalla duplice lettura, per prima una storia d’avventura, emozionante e coinvolgente ricca di azione e con affascinanti ambientazioni esotiche, poi una denuncia sociale sulla realtà dolorosa e scottante di quelle terre, stracolma di implicazioni umane e politiche, puntando il dito sulle grandi multinazionali che per lo sporco denaro hanno il coraggio di compiere azioni spregievoli e senza morale, macchiando una pietra così bella e preziosa come il diamante con il sangue di poveri innocenti.
Una grande pellicola d’autore contraddistinta anche dalle sue cinque nominations agli Oscar 2007; una riflessione profonda difficilmente trovabile negli attuali prodotti cinematografica, un successo ricercato da un sempre grande Edward Zwick.

Voti

  • Effetti visivi : 7.5
  • Regia : 8
  • Audio : 7.5
  • Storia : 8
  • Character : 9
  • Apprezzamento Personale (A.P.) : 8.5
  • Voto complessivo : 8

6 comments

  1. DIEGO SBAFFI says:

    Visto nel 2006 al cinema e in TV nel 2009 ribadisco l'eccellenza del film sotto tutti gli aspetti, veramente un gran bel film che nonostante sia di lunga durata si arriva alla fine che dispiace che stia per finire

    Voto personale – 9 – senza ombra di dubbio !!!!!!

    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *