Home » 24 – Season Five

24 – Season Five

24-season5

Titolo: 24
Tipo: Serie Tv
Genere: Thriller
Anno: 2001 – (in produzione)
Stagioni: 7
Puntate/Episodi: 152+
Durata: 45′ (60′ con la pubblicità)
Cast: Kiefer Sutherland, Elisha Cuthbert, Carlos Bernard, Mary Lynn Rajscub, Kim Raver, Roger Cross, James Morrison, Gregory Itzin, Db Woodside, Dennis Haysbert, Sean Austin
Giorno (Season Number): 5
Orario: Dalle 7.00 A.M. 
Data di messa in onda Americana: dal 15 Gennaio 2006 al 22 maggio 2006
Prima Tv Italiana:  dal 7 Dicembre 2007 al 20 Febbraio 2008 su Italia 1

Dopo una meravigliosa e stupefacente quarta stagione, in pochi si sarebbero aspettati da 24 un’altra performance di pari livello o addirittura superiore. Di fatti il Day 5 risulta essere (a detta di molti) la migliore fra tutte le sei stagioni (in questo momento stanno trasmettendo la Settima in America) andate in onda nel piccolo schermo.
Sicuramente questa stagione rappresenta un punto di perfezione nella creazione di un format così difficile come 24. Se solo il pensiero di studiare un percorso d’azione e una trama avvincente da tener lo spettatore incollato allo schermo per addirittura ventiquattro episodi (una intera stagione) risulti opera ardua per la maggior parte degli sceneggiatori e dei produttori di serie tv a Hollywood, il team di 24 c’è sempre riuscito, confermandosi ogni volta con un maggior successo e con un graduale crescendo che ha attribuito alla serie, e al suo principale protagonista (Kiefer Sutherland – Riflessi di Paura, The Sentinel) una fama enorme.

Jack Bauer sotto falsa identità viene avvisato del pericolo
Jack Bauer sotto falsa identità viene avvisato del pericolo

Da fan posso ammettere che questo telefilm è riuscito a sorprendermi. 24 è stupefacente, una droga (come il famoso Lost) che non si riesce mai a smettere di vedere, grazie sopratutto ai suoi incredibili colpi di scena e alla trama sempre più intricata e complessa.
Le idee tematiche sono a dir poco fantastiche, le vicende estremamente realistiche, riuscendo egregiamente a gestire lo scorrere del tempo senza mai commettere errori temporali o lassi di tempo irreali. 
Le situazioni sono sempre nuove, le cause e gli effetti sempre diversi, ed è qui che 24 supera gli altri. Trattando sempre lo stesso problema (attacco terroristico o politico agli Stati Uniti) la serie riesce sempre a rinnovarsi e a portare nello schermo storie sempre più controverse e difficili, non scadendo mai nel banale o nel noioso.

Il Presidente Charles Logan
Il Presidente Charles Logan

I tentativi di questa serie sono sempre riusciti. Con un annuale crescendo a dir poco formidabile, ogni stagione si dimostra sempre più coinvolgente rispetto alla precedente, plasmando, col passare degli anni, una struttura portante eccezionale su cui improntare ogni nuova “giorno“.

La Stagione Quattro ci aveva lasciato con un grosso colpo di scena, improntando la vita del nostro protagonista in una direzione diversa, Jack Bauer veniva “nascosto” (diciamo così) per fare in modo di proteggerlo dai corpi speciali cinesi che lo cercavano assiduramente per i reati commessi in quel giorno.

Da quel periodo sono passati all’incirca diciotto mesi e l’ex-agente attualmente vive in Mojave, California, costretto alla fittizia identità di Frank, un operaio nei pozzi di petrolio, tenta di costruirsi una nuova vita, lontano da eventuali pericoli o da rischiose conoscenze.

Alla Casa Bianca è ancora insediato il Presidente Charles Logan (Gregory Itzin – 24 Season Four, The Mentalist), entrato in carica un anno e mezzo fa, proprio durante il Day 4, in seguito alla morte prematura del Presidente John Keeler, egli porta avanti con inteligenza e strategia il suo mandato. Proprio in questa giornata Logan sta per firmare uno storico trattato anti-terrorismo con il Presidente Russo Yuri Suvarov (Nick Jameson – Quantum of Solace(VG), Blades of Glory) che segnerà una nuova alleanza militare ed economica tra le due più grandi potenze mondiali.

Lynn McGill - interpretato dal famoso Sean Austin
Lynn McGill - interpretato dal famoso Sean Austin

I colpi di scena prendono banco fin da subito e già dalle prime ore ci viene mostrato uno scenario terribile. Un gruppo di terroristi nascosti nell’ombra ha premeditato feroci attentati a importanti identità politiche e ad ottimi agenti governativi.
Il collegamento tra questi attentati sembra inesistente, attacchi casuali a persone note sui quali non è piombato nè una minaccia di morte nè una richiesta di qualsiasi tipo.
Il Ctu, diretto sempre da Bill Buchanan (James Morrison – Eli Stone, Prova a Prendermi) è già sulle tracce del primo attentatore, colpevole dell’omicidio più grave, elaborando in pochissimo tempo le modalità e la posizione assunte dal killer per l’atto.
Con l’accesso alle videocamere di sicurezza della città, il CTU scoprirà che l’esecutore dell’attentato è proprio Jack Bauer, ritenuto scomparso un anno e mezzo prima, riscuotendo grande stupore sia dagli agenti operativi che sopratutto dall’amico Buchanan.
Quale sarà la verità? Sarà stato veramente Bauer a compiere gli omicidi? Ma sopratutto perchè?

Come abbiamo detto la serie presa in esame, nel suo complesso, raggiunge il suo apice nella sua quinta prova, dimostrando come riuscire a sviluppare un prodotto così difficile in maniere così magistrale e sempre in un modo innovativo.

Il Day 5 racchiude nei suoi 24 episodi molti avvenimenti di particolare interesse sia cinematografico che politico, trattando, come sempre, argomenti che nuotano sull’onda dell’attualità americana o mondiale, trasponendo e montando le diverse e cruciali problematiche in una linea temporale perfetta e non perdendo quell’impronta di realismo caratteristica della serie.

Il cast della Quinta Stagione al completo
Il cast della Quinta Stagione al completo

Non possiamo dire di più su questa stagione perchè altrimenti rischieremo di offrire calde e importanti anticipazioni , tra le tante che impervesano negli episodi, che sicuramente finirebbero per infrangerebbero il clima di tensione e d’eccitazione creato dalla visione del singolo episodio, costantemente guidato dallo scandire del tempo gestito dal famoso orologio digitale.

Consigliamo, quindi, la visione di tutta la serie e sopratutto di questa stagione, preannunciando che lo sviluppo del format prende uno sviluppo più ampio e maggiore col passare degli anni, creando così un crescendo produttivo davvero enorme e raggiungendo l’apice con il suo 5° giorno. Ora non voglio dire che dobbiate smettere di guardare 24 dopo la quinta stagione, questo no assolutamente, (anche perchè sarebbe impossibile, visto la mania che crescerà in voi), ma affermo che fino ad ora (su un totale di sei stagioni) questa è decisamente la migliore, raggiungendo probabilmente un perfezione narrativa assoluta, non annoiando mai lo spettatore e creando costantemente una crescente suspance, condita da una realtà ricercata.

Attendiamo per ora la visione della Settima stagione (Nota: non preoccupatevi sta arrivando anche la recensione della Sesta Stagione su Webspacemelodies) che dai presupposti mostrati dalle numerose propagande pubblicitarie e dal prequel di Novembre, merita assolutamente, riportando il format di 24 sempre più in alto, confermando quel cult che è divenuto dal 2001 a oggi.

Voti

  • Effetti visivi : 8.5
  • Regia : 8.5
  • Audio : 8
  • Storia : 9
  • Character : 9
  • Apprezzamento Personale (A.P.) : 9.5
  • Voto complessivo : 9.5

 

 

 

Curiosità

  • Il Senatore dell’Arizona John McCain partecipa ad un cameo in un episodio di questa stagione, quello che va dall’ 1.00 alle 2.00 PM. Il suo ruolo comprende una semplice comparsa senza voce che consegna una cartellina al personaggio di Audrey Raines (Kim Raver).
  • Anche il pilota Nascar Carl Edwards appare in un cameo nella stagione cinque di 24 precisamente nell’episodio che va dalle 10.00 alle 11.00 PM.
  • La stagione Cinque di 24 risulta, fino ad ora, la stagione più seguita, tra le sei andate in onda, dai telespettatori americani. Infatti la media approssimata di spettatori che hanno seguito gli episodi si aggira sui 13,78 mln a puntata.

Collegamenti

4 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *