Home » Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo

Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo

Locandina_Parnassus

Titolo: Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo
Titolo originale: The Imaginarium of Doctor Parnassus
Genere: Fantastico
Anno: 2009
Nazione: Regno Unito, Canada
Durata: 122′
Regia: Terry Gilliam
Cast: Heath Ledger, Christopher Plummer, Lily Cole, Tom Waits, Andrew Garfield, Johnny Depp, Colin Farrel, Jude Law, Verne Troyer

Terry Gilliam, l’ex disegnatore degli storici Monty Python e regista di film come “Brazil”, “Le avventure del Barone di Munchausen” e “L’esercito delle dodici scimmie” torna dopo quattro anni sul grande schermo con la sua nuova fatica, Parnassus. Un film che probabilmente dovrà parte della sua fama all’essere l’ultima interpretazione di Heath Ledger, il grandioso Joker de Il Cavaliere Oscuro, suicidatosi nel corso delle riprese e sostituito in diverse parti del film dai suoi amici Johnny Depp, Colin Farrell e Jude Law.

Il vecchio Parnassus, vestito da santone
Il vecchio Parnassus, vestito da santone

Il dottor Parnassus del titolo (Christopher Plummer)  è un attore di strada immortale che, insieme alla sua troupe, composta dalla sua giovane figlia Valentina (Lily Cole), l’altrettanto giovane Anton (Andrew Garfield) e il nano Percy (Verne Troyer), si muove per una Londra dei nostri giorni a bordo di un tanto enorme quanto scalcinato carrozzone sul quale si esibiscono. Gli spettacoli del gruppo sono incentrati su uno specchio magico che, tramite i poteri del dottor Parnassus, permette a chi entra al suo interno di viaggiare tra sogni, incubi e fantasie in generale. Gli spettacoli sono fiaschi colossali e la compagnia vive nella povertà, ma il peggio si materializzerà nelle vesti di una vecchia conoscenza del dottor Parnassus. Il diavolo (Tom Waits), con il quale Parnassus ha già fatto scommesse e accordi in passato. E che, in questo caso, arriva a reclamare ciò che da uno di essi gli spetta: la figlia di Parnassus, Valentina.

Parnassus ed il diavolo
Parnassus ed il diavolo

Ma il diavolo decide di giocare ancora una volta con il vecchio immortale e organizzerà una nuova scommessa con Valentina come premio. Ed è a questo punto che entra in scena Tony (Heath Ledger).  Trovato dal gruppo nel mentre penzola impiccato sotto un ponte, viene salvato e introdotto nella compagnia teatrale. Ma chi è Tony? Perchè l’hanno trovato impiccato? E Valentina sarà salvata dalle grinfie del diavolo?

Tony nel tentativo di invitare gente sul palco
Tony nel tentativo di invitare gente sul palco

Questa è la trama ed è la scusa principale per lasciare correre la fervida fantasia di Terry Gilliam. Per chi già conosce e apprezza lo stile del regista, sicuramente vedere il mondo attraverso lo specchio sarà una piacevole conferma delle visionarie doti di Gilliam. Le scene oltre lo specchio sono un capolavoro di immaginazione e effetti speciali e da sole valgono il prezzo del biglietto. Ottime anche le prestazioni dei vari attori, Tom Waits su tutti, che ruba letteralmente le scene con il suo personaggio. Ma ogni altro attore presente non dovrà vergognarsi di poter aggiungere Parnassus al suo curriculum.

Se proprio uno deve andare a cercare un punto debole, questo sta nella narrazione della trama, talvolta un po’ confusa e a scatti. Ma d’altronde, buona parte del film è stata reinventata per riuscire a concludere il film dopo la morte dell’attore principale. E il risultato è comunque funzionante.

Voti:

Effetti Visivi: 9+
Audio:  7.5
Storia: 6.5
Personaggi: 7.5
Apprezzamento Personale: 8
Voto Complessivo: 7.5

http://webspacemelodies.it/2009/11/12/nemico-pubblico-public-enemies

3 comments

  1. Hysteria says:

    …cioè.. valutando bene nel dettaglio, hanno fatto TROPPA pubblicità positiva per un film che in fondo è tuttalpiù, decente…. a mio parere il Trailer è l'unica cosa veramente bella.

    Diciamoci la verit….la Storia è insulsa!!!!!!

    OK…le Scenografie eran BELLE, anche se quasi tutte digitali…

    E il Livello di recitazione? pessimo e scarso, colpa forse del doppiaggio italiano…

    Un gran cast sprecato per questo film; un Johnny Depp sfruttato nemmeno nel minimo consentito, Jude Law c'era? per quanti secondi?! Bravo Heath Ledger. ma poverello, giochiamo con i fanti e lasciamo stare i santi.

    Io mi aspettavo di moooolto meglio, poi vabbè…. una gran orgia di attori gnocchi e ci rido su!!

    però…voto finale: 6.

  2. Suchi says:

    Io trovo questa recensione ben equilibrata. Il film è probabilmente perfetto fino alla scena dell'altalena, poi purtroppo succede che muore l'attore protagonista, così si riscrive buona parte del film, da qui la narrazione scricchiolante e poco comprensibile del finale, e si inventa una storia che consenta di giustificare i vari cambi d'attore che ci sono. Poteva essere, ed in parte lo è, un film memorabile; Ne esce comunque un buon prodotto, omaggio ad un grandissimo attore scomparso e che soprattutto non fa rimpiangere i soldi spesi per il biglietto.

  3. Slask says:

    x l'autore della rece: Ledger NON SI è suicidato. L'autopsia ha confermato un'overdose "accidentale" di farmaci che gli erano stati regolarmente prescritti.

    x Hysteria: il trailer è stato montato ad hoc per attirare le folle in sala, ma il film non è assolutamente (e non voleva essere) come è stato dipinto dalla campagna promozionale. Se volevate un banale filmetto fantasy qualsiasi con scenari onirici e una trama lineare dovevate optare per qualcosa di più superficiale. Parnassus è un film molto più profondo e più lavorato, gli scenari fantasiosi e le scene più visionarie servono solo come collante ad una storia particolare e molto meno banale di quanto si creda.

    P.s: johnny depp e jude law hanno VOLUTAMENTE recitato poco perchè loro si sono offerti volontari per sostituire Ledger nelle poche scene che mancavano per completare il film. Non è colpa di Gilliam se la produzione ci ha marciato sopra pubblicizzandoli come protagonisti…

    Informiamoci prima di sparare a zero. E sopratutto andatevi a vedere i vecchi film di Gilliam che sono perle di rara bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *