Home » Nip/Tuck – Stagione 6/7 (Series Finale)

Nip/Tuck – Stagione 6/7 (Series Finale)


Titolo Originale:
Nip/Tuck 
Genere:
Drammatico
Anno:
2003-2010
Durata:
45′
Numero di Serie: 6 (7)
Numero di Episodi Totali: 100
Numero di Episodi 6° Serie: 10 Episodi come serie 6, 9 Episodi come serie 7
Nazione: U.S.A.
Sito Ufficiale:
http://wwws.warnerbros.it/tv/niptuck/main.html
Cast:
Dylan Walsh, Julian McMahon, Roma Maffia, John Hensley, Kelly Carlson, Joely Richardson
Data di Programmazione U.S.A.:
Dal 14 Ottobre 2009 al 3 Marzo 2010
Premi: Golden Globe 2005 per la miglior serie tv Drammatica
DVD: DVD su amazon

Ebbene sì! E’ arrivato il momento anche per i nostri chirurghi plastici di fiducia, di chiudere i battenti dello studio medico più popolato al mondo, appendendo quel bisturi al chiodo che in 7 anni ha visto più tette, culi, nasi, volti di qualsiasi altra persona a questo mondo.

Nip/Tuck in sette anni ha marcato con forza la storia delle serie tv, proponendo al pubblico un medical drama differente; un serial del genere medico devoto alla moda, al glamour e alla vita sregolata con tutte le sue derivazioni: sesso, alcol, droga e tanti, ma tanti soldi.

Dal lontano 2003, Nip/Tuck ha sempre dimostrato le sue differenze approcciandosi al pubblico con una visuale molto più “MASCHILE”, improntando le prime stagioni sulla visione di un uomo della donna, sulla perfezione fisica e sulla potente arma del denaro con il quale si può comprare qualsiasi cosa.

Christian Troy

Julian McMahon ( Fantastici 4, Streghe) è il Dottor Christian Troy, un uomo maniaco di se stesso, egoista all’ennesima potenza, nessuno viene prima della sua persona. Attento nella massima cura del proprio aspetto fisico, veste rigorosamente abiti ultra firmati e guida macchine super-sportive. Completamente assefuatto al sesso e alle relazioni una notte e via ha avuto migliaia di donne nella sua vita e a Miami è ritenuto uno tra i 50 scapoli d’oro.

Sean McNamara (Dylan Walsh – La casa sul lago del tempo, We were soldiers) è il miglior amico di Christian, dotato di un talento innato per la chirurgia; ha sempre sognato di fare il medico per aiutare le persone, ma a causa delle tentazioni del fraterno Christian diavolo Troy, si assuefà alla sregolatezza che la chirurgia gli concede, andando più volte a perdere il controllo e i nervi per il vuoto lasciatogli dentro da quello stile di vita.

Insieme costituiscono da più di 20 anni il famoso studio medico McNamara/Troy, che vedrà negli ultimi 7 anni paziente di ogni tipo, raccontando a questo pubblico le impossibili situazioni in cui i medici riescono ogni volta a cacciarsi, con tutte le conseguenze e le punizioni che i due amici-fraterni sono costretti a subire a causa della loro arroganza.

Gli ultimi 19 episodi (19 appunto per finire la serie al 100°) sono divisi in due serie. Trasmessi indistintivamente senza nessuna pausa invernale, vengono legalmente suddivisi in Stagione 6 per i primi 10 episodi, mentre i restanti 9 concludono tutta la serie con la numero 7.

Poster Pubblicitario

La stagione 6 riapre il filone della McNamara/Troy Los Angelina, riprendendo qualche mese dopo la conclusione della Quinta Serie.
Christian Troy ha da poco scoperto la remissione del suo cancro al petto. In immediata partenza per il viaggio di nozze con la neo-sposa Liz Cruz (Roma Maffia – Boston Legal) si rende conto di essersi sposato per avere una spalla vicina durante il percorso della malattia,  ma non essendo più presente, torna coerente al suo ordinario egoismo e, al rientro in terra americana, chiederà il divorzio.
Sean McNarama nel frattempo, è felicemente fidanzato con la nuova anestesista Teddy Rowe (Kate Sackhoff [24: Day8, Battlestar Galactica] nella Quinta Stagione, sostituita da Rose McGowan [Streghe, Grindhouse, Machete] nella sesta) e vista la grande passione che li ha travolti, stanno addirittura meditando sul matrimonio.
Lo studio però non naviga in ottime acque. La crisi economica ha colpito anche la McNamara/Troy, i soldi mancano ovunque e la chirurgia plastica non fa poi così tanto clamore e di sicuro è l’ultima cosa su cui la gente voglia spendere i pochi risparmi. Per questo motivo, i due medici decidono di affiancare allo studio Mike Hamoui (Mario Lopez – Bayside School) un chirurgo specializzato nella ricostruzione vaginale, una nuova frontiera nella cura della persona.

Nip/Tuck si riprende un po’ dal baratro della stagione precedente, dimostrando finalmente qualcosa di concreto e interessante con ottime sottotrame nella prima stagione, mentre una insicurezza grande nella seconda, annaspando clamorosamente e mancando enormemente di mordente narrativo e quasi sembrando povera di idee nuove.

Per il resto la serie rimane molto nella proprio ordinarietà, personaggi interessanti che fanno capolino per qualche episodio, vecchie conoscenze e bellezze che riappaiono sempre e comunque, contraddistinguendosi per quella complessità storica che ha sempre accompagnato Nip/Tuck, fatta di eventi inimmaginabili e situazioni impossibili.

Con grande tristezza diamo addio a questa impagabile serie che negli anni ci ha fatto sognare e immaginare la nostra vita nei loro panni, il sogno di qualunque ragazzo adolescente e non; belle donne, macchine costose e una vita da star.
Ringraziamo Nip/tuck per i sui 100 episodi fatti di passione e sregolatezza, eccessi e non, con i quali è riuscita nel suo piccolo a insegnarci qualcosa o almeno a renderci piacevoli diverse ore delle nostre giornate. Addio Sean McNamara e Christian Troy, avete segnato la storia della televisione e avete saputo farvi invidiare da tutto il mondo, la McNamara/Troy chiude battenti, è finito il tempo della bellezza a tutti costi.

Voti

  • Effetti visivi: 8
  • Regia: 7.5
  • Audio: 8
  • Storia: 7-
  • Character: 7
  • Apprezzamento Personale: 7
  • Voto complessivo: 7-

Ti è piaciuto Nip/Tuck e lo vuoi in DVD?

Clicca qui per i DVD disponibili su Amazon

5 comments

  1. riccardo says:

    scusa, l'hai guardato bene n&t in questi 7 anni? prima di tutto è fuorviante definire christian egoista: è cattivo con le donne, egoista, va bene, ma vedi come esce fuori una parte di troy totalmente diversa quando si tratta di wilbur, di matt…nei confronti di sean diventerà egoista solo nelle ultime 2 serie, perché in realtà farà lui (a conclusione della puntata n°100) ciò che sean contemplava da tempo: separarsi dall'amico-socio, perché quel rapporto incideva negativamente sulla realizzazione di essi stessi. detto ciò, limitarsi a definire n&t una medical serie che parla solo di sesso, sregolatezza e soldi non è solo fuorviante, ma è un concetto falso in sé. n&t è semplicemente un capolavoro perché propone un contesto in cui estetica, soldi, egoismo e sesso sono non la causa, ma l'effetto della cultura occidentale(e nella fattispecie quella USA). non dimentichiamo le storie legate a matt nelle prime 3 serie: n&t qui si sofferma sul prodotto di una società basata sui valori di cui sopra, ovvero, i figli di chi vive di questi principi. ma, detto ciò, siamo soltanto alla prima metà di quello che andrebbe detto per completare il quadro analitico della serie in toto.

    altri 2 aspetti sono fondamentali per definire n&t un capolavoro: lo straordinario realismo delle operazioni chirurgiche (che farebbero morire d'invidia ER e DR. House), che già in sé rappresenta una novità dirompente, nonché uno degli elementi più interessanti della serie; ma il punto su cui mi piacerebbe soffermarmi è il profilo psicologico dei personaggi.

    ogni personaggio non è mai banale, la sua storia non è mai banale, perché si fa contenitore di valori, di storie, di stili di vita diversi; la cosa straordinaria è la perfetta organicità di queste storie (dei pazienti, ovviamente) rispetto alla trama della vita privata dei 2 dottori, per cui si nota una perfetta compenetrazione fra vita privata e vita pubblica/lavorativa.

    last, but not least, come direbbero gli inglesi per concludere un discorso del genere, n&t potrebbe essere definito molto brevemente come "un perfetto ritratto dell'uomo (e della società, per traslazione) postmoderno": debole, superficiale, impaurito, senza un vero scopo, e fondamentalmente, solo".

    e come dimenticare il profondo senso ironico (spesso di riso amaro) del dott. troy, come del resto tutte le fantastiche scene di erotismo puro che hanno reso il format irripetibile, e probabilmente, di nicchia (dato l'orario di trasmissione, i temi affrontati e la complessità con cui venivano presentati).

    mi(anzi, ci) mancherà tanto…ma possiamo sempre consolarci con le repliche e con lo streaming…cordialmente..riccardo

  2. Davide says:

    è il miglior telefilm che sia stato realizzato
    mi mancherà… avrei preferito un 8 stagione dove tutti sarebbero rimasti insieme come una grande famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *