Home » 24: Season Eight (Series Finale)

24: Season Eight (Series Finale)

Titolo: 24
Tipo: Serie Tv
Genere: Thriller
Anno: 2001 – 2009
Stagioni: 8 + 2 film
Puntate/Episodi: 192
Durata: 45′ (60′ con la pubblicità)
Cast: Kiefer Sutherland, Elisha Cuthbert, Mary Lynn Rajscub, Annie Wersching, Cherry Jones, Bob Gunton, Anil Kapoor, Chris, Diamantopoulos, John Boyd, Freddie Prinze Jr., Gregory Itzin, Michael Madsen
Giorno (Season Number): 8
Orario: Dalle 4.00 P.M.
Data di messa in onda Americana: dal 17 Gennaio 2010 al 24 maggio 2009
Prima Tv Italiana:
Network: Fox

La stagione 2009/2010 nostro malgrado ha decretato la chiusura di molti prodotti televisivi a noi molto prossimi. In seguito alle tristi chiusure di Heroes, Flash Forward, Scrubs (più molte altre) e alla conclusione in grande di Nip/Tuck e Lost, un altro cult televisivo ci saluta in grande stile con una assoluta chiusura da Oscar.

Jack Bauer, dopo 9 anni, 8 stagioni e numerosi uccisioni appende la fondina al chiodo, lasciando orfana la televisione americana (americana???MONDIALE diciamo) delle grandi cospirazioni e degli attacchi terroristici che sconvolgevano l’America per 24 ore, congedando con onore tutte le agenzie infragovernative e pure il fittizio ma efficente CTU.

Con una produzione stellare, così enorme e dispendiosa da essere paragonata ad una pellicola vera e propria per il grande schermo, Fox decide a malincuore di chiudere la serie polizesca con un tacito accordo a inizio stagione con gli ideatori, costretta a questa scelta per gli enormi budget richiesti dal format e dagli ascolti oramai fermi e costanti ad un livello inferiore rispetto alle glorie passate.

Il tacito accordo prevedeva che la Fox avrebbe rinnovato la serie, solo in caso di un rating/share importante, accordandosi, in caso negativo, nella produzione di un futuro film o, se era nel volere dei creatori, al passaggio dei diritti della serie ad un altra emittente.
Fox, conoscendo le possibilità di grandi introiti con lo sviluppo di questo film (vedi Simpson: The movie di qualche anno fa), ha deciso per questa opzione, non ottenendo nell’intera stagione televisiva un rating sostanzioso ma una costante  e flebile discesa a cui oramai eravamo abituati.

Per questo motivo siamo costretti a dare l’addio ad una serie eccezionale, la quale negli anni è riuscita a entusismarci come poche sono riuscite a fare, concludendo allo spettatore un addio doloroso e triste, sia per le ultime ore di azione che per l’intera stagione, costruita ed eseguita in maniera stupefacente ed entusiasmante, qualità eccelsa.

Giorno 8

Jack Bauer e l'Agente CTU Cole Ortiz

Ambientato 18 mesi dopo il Day 7 (secondo i calcoli degli appassionati dovremmo essere nel Settembre 2016) le ultime 24 ore narrano gli eventi in un giorno politicamente importante per l’America e il Mondo intero.
Il Presidente Allison Taylor (Cherry Jones – 24: Day 7, West Wing) si trova all’ONU per l’attuazione di un trattato di pace importantissimo per il futuro della civilità mondiale; un accordo nato da mesi e mesi di difficile trattative politiche tra l’America, la Russia e la Repubblica Islamica del Kamistan.
Questo trattato obbligherà tutte le Nazioni a concludere la Guerra in corso nel medioriente, riunendo tutti sotto la stessa bandiera pacifista e contrattando una pace armata per far dirigere all’ONU la cessazione dei conflitti, le corse agli armamenti e i disarmi nucleari.
L’amministratore del Presidente Taylor è oramai conosciuta al mondo per la sua onestà e correttezza; stimata dal popolo americano e non, la Presidente mantiene da anni un efficente staff di gabinetto che ha sempre mostrato la propria inteligenza politica e gergale. Tra tutti emergono i già conosciuti: segretario Ethan Kanin (Bob Gunton – Ace Ventura, Patch Adams), il Segretario alla sicurezza nazionale Tim Woods (Frank John Hughes – Sfida Senza Regole, Flash Forward) e il capo di gabinetto Rob Weiss.
Tutti i membri sono impegnati nelle trattative con il Presidente dell’IRK Omar Hassan (Anil Kapoor – The Milionaire) tenace e convinto soldato che, spinto dagli ideali di pace e buon senso, tenta con tutte le sue forze di distruggere gli insurrezionalisti del proprio paese con l’aiuto dell’America.

Il Presidente Taylor e Weiss, inoltre, dopo il Day 7 hanno deciso di ripristinare il CTU, in modo da poter gestire al meglio le possibili tragedie nazionali e gli attacchi terroristici.
A capo dell’agenzia c’è Brian Hastings ( Mykelti Williamson – CSI:NY, Final Destination 3D), il quale, con la sua esperienza, ha ricostruito l’ufficio scegliendo minuziosamente il personale con solo i migliori agenti e analisti del settore. Tra questi brillano il capo analista Dana Walsh (Katee Sackhoff – Nip/Tuck 5° Stag., BSG), la conosciutissima Chloe O’Brian (Mary Linn Rajskub – Sunshine Cleaning, Magnolia), l’addetto ai droni Arlo Glass (John Boyd – Fringe, Gli Ostacoli del Cuore) e l’efficente capo operativo Cole Ortiz (Freddie Prinze Jr. – Scooby Doo, Kiss Me).

Grandi camoe nel Day 8, Michael Madsen nei panni di un vecchio amico di Jack

Jack Bauer (Kiefer Sutherland – Riflessi di Paura, The Sentinel) uscito in gravi condizioni dagli avvenimenti del Day 7, ha intrapreso per 18 mesi una cura sperimentale di cellule staminali, con le quali è riuscito a sopravvivere e assicurandosi una vita normale. Attualmente anche l’ex agente si trova a New York per il termine delle proprie cure ospedaliere, programmando in giornata la propria ripartenza per tornare a Los Angeles, pronto a ricostruirsi una vita tranquilla accanto alla famiglia della figlia Kim (Elisha Cutbert – Captivity, Old School).

Ma qualcosa rovinerà i piani di Jack: un ex-informatore busserà alla sua porta in fin di vita, affermando di avere sicure informazioni rilevanti su una minaccia terroristica per l’ONU, pronto a scambiarle in cambio di protezione e sicurezza da parte del Governo Americano.

Riuscirà Jack Bauer anche stavolta a sventare la minaccia terroristica?

Il Day 8 chiude in grande stile una serie storica della televisione americana. Se infatti negli ultimi anni abbiamo notato un leggero calo di qualità (la sesta seppur sufficiente denotava grandi carenze, mentre con la settima si ha già una ottima risalita, incentrando la ricrescita sui i nuovi personaggi che sugli eventi) questo nuovo Giorno, riporta 24 alla ribalta, trovando nella trama, nei colpi di scena e nella figura di Jack Bauer lo splendore di un tempo.
Nonostante le prime ore un po’ lente e troppo cupe, la trama evolve con una crescita tale da tenere lo spettatore appiccicato allo schermo, una drogante avventura che ritesse le fila di quella serie, forse un po’ addormentata. Un climax enorme porta alle ultime ore con il cuore in gola, lasciandoci un finale emozionante e favoloso da far rabbrividere al solo pensiero di non poter più seguire le avventure di Jack Bauer.

Ottimo tutto in questo finale, attori nuovi e vecchi si intrecciano in una caratterizzazione unica per Ventiquattro, catene di eventi razionalmente pensati e logicamente perfetti che danno un tono di assoluta realisticità alla serie, incartando in 24 ore una fila di azioni ed eventi ad alto tasso adrenalico. Insomma climax, situazioni e colpi di scena ben pesati che trasportano l’osservatore in una corsa contro il tempo contro la minaccia terroristica.

Con lo scattare della ventiquattresima ora, un vecchio eroe se ne va e con lui un pezzo di storia televisiva americana.
Addio Jack e un saluto a Kiefer Sutherland che negli anni è riuscito a dimostrare tutta la sua bravura e il talento, costruendo un format incredibile e assolutamente stupefacente.
Il tempo delle 24 ore è finito, Jack Bauer se n’è andato…. chi salverà l’America ora?

Voti

  • Effetti visivi : 8
  • Regia : 8.5
  • Audio : 7.5
  • Storia : 9
  • Character : 8.5
  • Apprezzamento Personale (A.P.) : 9
  • Voto complessivo : 9

Curiosità:

  • Dopo 6 Stagioni ambientate in L.A., la Settima in Washington, l’Ottava è la prima e ultima serie di 24 ambientata a New York.
  • Nel Day 8 ritroviamo vecchi conoscenze governative come l’Ex Presidente Charles Logan (Gregory Itzin – 24 Day 5, The Mentalist) e piccole parti di grandi attori, vedi Michael Madsen (Kill Bill, Sin City) e Callum Keith Rennie (Californication 2, Flash Forward).
  • In Primavera la produzione ha dovuto subire uno stop di qualche settimana a causa di un infortunio avvenuto a Kiefer Sutherland.
  • La produzione era incerta fino all’ultimo sulla possibilità di una nona serie o di un film, alla fine si è deciso per un futuro film, già in pre-produzione.
  • Il nuovo Day inizia alle 16:00.

Enciclopedia:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *