Home » Midori Days – Kazurou Inoue

Midori Days – Kazurou Inoue

Titolo originale: Midori no hibi
Autori: Kazurou  Inoue
Genere: action/comedy
Tipo: Shonen
Numeri totali: 8
Distributore italiano: J-Pop

Merita già un dieci netto la trama di Midori Days, opera in otto tankobon di Kazurou Inoue. Con estrema originalità e una buona dose di fantasia, l’autore giapponese ha creato un manga a metà tra i racconti magici delle Clamp e le storie d’amore adolescenziale degli shojo.

Midori frequenta il primo anno di liceo e, timida e riservata, non riesce a dichiarare il suo amore a Seiji, diciassettenne sfrontato e rissoso conosciuto da tutti con il soprannome di Cane Pazzo vista la sua scattosa irascibilità. Sovrastata dalle sue insicurezze e dalle forti emozioni che Seiji provoca al suo cuore Midori cade in un coma profondo. E se i suoi occhi sono ormai chiusi da mesi e il suo corpo giace inerte sul letto di una camera satura di tristezza, l’anima di Midori è viva e vegeta. Midori si è infatti reincarnata nella mano destra di Seiji! In una miniaturina di se stessa, come una specie di bambolina senza gambe, questa ragazzina dai capelli verdi ha preso il posto del pugno del suo amato. Costretti a vivere 24 ore su 24 insieme, i due ne passano di tutti i colori, tra risse, otaku appassionati di bambole, spasimanti vendicative e compiti in classe.

Una trama assurda che però scorre benissimo grazie ai mille intermezzi divertenti e la grande espressività data da Inoue-sensee ai volti dei suoi personaggi. Nonostante il suo essere un’anima a metà, un corpo dimezzato e un cuore spaccato, Midori è un personaggio sviluppato a 360 gradi. Piccola ma matura, solitamente pavida ma coraggiosissima quando si tratta di difendere Seiji, Midori è un’eroina dell’amore che con simpatia ci mostra le sfaccettature più ingenue e dolci di questo sentimento. E Seiji è invece un personaggio in continua crescita, che da ragazzaccio di strada riscopre il suo lato fragile grazie alla sua mano parlante.

In Midori Days si spazia dai toni più goliardici che caratterizzano le scene che hanno come protagonisti Seiji e quel maschiaccio di sua sorella, ai ritmi più lenti e riflessivi dei momenti in cui Midori affronta le sue paure e le sue ansie. Di fatto, con il sorriso sulle labbra, Inoue-sensee invita i suoi giovani lettori ad abbandonare ogni timidezza e a viversi a pieno i rapporti con gli altri -amici, fidanzatini, famiglia- e con se stessi e le proprie fragilità.

E alla fine, dopo otto appuntamenti trimestrali, il maestro Kazurou riesce nel suo intento: lasciare in noi lettori un po’ della vita di Seiji e Midori.

Curiosità: La serie è stata adattata in un anime di 13 episodi.

  • Disegno: 9
  • Storia: 10
  • Character: 8
  • Apprezzamento Personale (A.P.): 9
  • Voto complessivo: 9

3 comments

  1. Cano says:

    Vidi l'anime ai suoi tempi e lo trovai piuttosto divertente. Un'idea assurda ben sviluppata, situazioni divertenti e personaggi piacevoli (su tutti, imho, Ayase). Non ho letto il manga, che di sicuro in otto tankobon svilupperà molto di più la storia di quanto possano farlo 13 episodi televisivi, ma per quanto mi ricordi l'anime merita un sette pieno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *