Home » Libri

Categoria: Libri

Gianrico Carofiglio – Non esiste saggezza

Autore: Gianrico Carofiglio
Editore: Rizzoli
Genere: Racconti
Titolo: Non esiste saggezza
Anno: 2010

Se non avete mai letto un libro di Gianrico Carofiglio, dopo esservi cosparsi il capo di abbondante cenere, potete iniziare a conoscere la prosa asciutta e incalzante dell’ autore pugliese partendo dalla lettura del suo ultimo lavoro: Non esiste saggezza.
Una vera e propria summa di tutta la produzione di Carofiglio, il libro è stato pubblicato da Rizzoli nel maggio 2010 e dopo solo tre mesi, nel luglio 2010, ne è uscita la dodicesima edizione, segno tangibile della fama ormai consolidata del magistrato-scrittore di Bari. Continua a leggere

Stupore e tremori

Autore: Amélie Nothomb

Traduzione: Biancamaria Bruno

Editore: Voland

Genere: Romanzo, Autobiografia

Titolo originale: Stupeur et Tremblements

Anno: 1999, Collana Amazzoni

Le disavventure professionali di Amélie Nothomb hanno paradossalmente fatto la fortuna di questa scrittrice bilingue, nata a Kobe, in Giappone, ma figlia di un ambasciatore belga proveniente da una delle famiglie più in vista di Bruxelles. Stupore e tremori è il primo di una serie di libri che ricostruiscono il mosaico della vita della Nothomb, trascorsa tra l’Europa e il Giappone alla continua ricerca della propria identità, soprattutto professionale. Continua a leggere

Tiziano Scarpa – Occhi sulla graticola

Autore: Tiziano Scarpa
Editore: Einaudi
Genere: Romanzo, Saggio
Anno: 1996

Controverso
Tiziano Scarpa si è aggiudicato nel 2009 il Premio Strega con Stabt Mater. Un romanzo controverso, più che per la storia, per i dubbi insinuati dalla critica più maligna. Uno scrittore che riesce a raccontare con delicatezza e profondità le turbe di una giovane donna fa sempre scalpore. In tanti avevano dubitato che le vicende della violinista Cecilia fossero davvero frutto della penna di Scarpa. Soprattutto se si confronta quest’opera con i suoi lavori precedenti, tra cui, appunto, Occhi sulla graticola. Un anti-romanzo lontano dai toni più asciutti di Stabat Mater, una storia più perversa, raccontata con una prosa malata e contorta. Un salto stilistico notevole: o Scarpa è un genio della scrittura o un mago del copia-incolla. In entrambi casi, non si può non riconoscere l’arguzia dell’autore veneto. Continua a leggere

Ian McEwan – Chesil Beach

Autore: Ian McEwan
Editore: Einaudi
Genere: Romanzo
Titolo: Chesil Beach
Anno: 2009 (Super ET), 2007 (Supercoralli Stranieri)

Si può scrivere del nulla e riuscire con le sole parole a creare il tutto. Si può scrivere del tutto e perdersi in particolari inutili e riflessioni sterili fino a buttare tutto nel calderone del nulla.

Amore e paura, due parti del tutto composto dai sentimenti umani: questi i temi attorno ai quali ruota la storia narrata da Ian McEwan in Chesil Beach.
Florence è una giovane e talentuosa violinista. Edward, laureato in storia, stenta a trovare un lavoro. Florence ed Edward si sono appena sposati e in una calda estate dei primi anni ’60 vedono consumarsi la loro prima notte d’amore.
L’amore sensuale, quello più fisico e istintivo, viene sviscerato, narrato fino a diventare un’autopsia dell’eros. La paura, l’ansia di un contatto che non si è mai sperimentato e la diffidenza diventano timori adolescenziali.

Ian McEwan riesce solo a metà nel narrare l’amore. È soltanto attraverso Edward che la trama di Chesil Beach riesce a spostarsi dal nulla al tutto. Florence è invece un personaggio sbiadito, la caricatura di una donna priva di sensualità e carisma. Persino la musica perde forza negli arpeggi di Florence e torna a farsi sentire a volumi più alti solo quando è Edward a parlarne.

Chesil Beach centra però in pieno un obiettivo: riesce ad esprimere nel profondo il senso di distacco, la lontananza. Come Florence ed Edward vivono da estranei la loro relazione, così il lettore si ritrova distante anni luce dalle pagine scritte da Ian McEwan. L’incompatibilità tra i due protagonisti trova un suo parallelo nel rapporto che si crea tra lo scrittore e noi, annoiati spettatori di una storia basata sul nulla. Eppure, proprio quando i due “amanti” si allontanano anche fisicamente l’uno dall’altro, il libro prende slancio. Le frasi non sono più involucri vuoti del nulla, ma aderiscono finalmente al tutto dei sentimenti umani.

Storia: 5
Character: 6
Voto Complessivo: 5 1/2

Haruki Murakami – L’elefante scomparso e altri racconti

Autore: Haruki Murakami
Editore: Einaudi
Genere: Racconti
Titolo: L’elefante scomparso e altri racconti
Anno: 2009 (riedizione)

Haruki Murakami è tra i più noti autori di racconti della letteratura contemporanea. Traduttore in giapponese di Raymond Carver, Murakami è divenuto celebre prima con il romanzo Norwegian Wood (Tokyo Blues) del 1987 e poi con il premiatissmo Kafka sulla spiaggia pubblicato nel 2002. Continua a leggere

Gianrico Carofiglio – Il passato è una terra straniera

Autore: Gianrico Carofiglio
Editore: Rizzoli
Genere: Romanzo
Titolo: Il passato è una terra straniera
Anno: 2004

Si parte in sordina. Ci vogliono un po’ di pagine per ingranare la marcia ed entrare in una realtà che non è certo molto familiare. Non siamo abituati ai tavoli verdi: li abbiamo visti semmai nei film americani ambientati a Las Vegas o al massimo abbiamo assistito a una partita a carte giocata sotto il sole da qualche anziano davanti al bar di un paesino di campagna.
Il mondo del poker, della bisca clandestina, della telesina e dei soldi sputtanati per donne di quadri o assi di fiori non fa parte della nostra cultura. Continua a leggere

Alessandro Baricco – Emmaus

Alessandro Baricco - Emmaus Cover

Autore: Alessandro Baricco
Editore: Feltrinelli
Genere: Romanzo
Titolo: Emmaus
Anno: 2009

“Abbiamo tutti sedici, diciassette anni – ma senza saperlo veramente, è l’unica età che possiamo immaginare: a stento sappiamo il passato”
(frase presente nel retro del libro)

Che questo libro fosse strano, lo si vede la prima volta. Istantaneamente, senza esitazione. O forse più che strano è unico. Sia all’interno della bibliografia di Alessandro Baricco, che in quella di tutti i libri.

C’è una cosa che salterà immediatamente all’occhio quando lo sfoglierete in libreria. Il libro è “Pulito”. Titolo ed autore davanti, una sola frase (di apertura, tra l’altro) del libro dietro, e niente, assolutamente niente, nelle costolette interne al libro. Non una scritta. Due splendidi fogli bianchi. Nessun cenno all’autore o al contenuto del libro stesso. Continua a leggere